nordpass logo

Pensi di sapere tutto sulla sicurezza informatica? 6 miti sfatati

Monica Webster

Nel mondo high-tech di oggi quasi tutti, in un modo o nell’altro, devono fare i conti con la sicurezza digitale. Ma la cybersecurity, così ricca di terminologia oscura, può essere per molti di noi motivo di confusione.

La disinformazione, unita a tutta una serie di luoghi comuni, affligge il tema della sicurezza online rendendolo ancora più complicato di quanto già non lo sia. Per quelli di noi che sono cresciuti molto prima che la tecnologia costituisse parte integrante della vita quotidiana, la sicurezza informatica rimane una sfida e un’esperienza di apprendimento continuo. Diamo un’occhiata più da vicino e sfatiamo 6 luoghi comuni sulla sicurezza informatica per chiarire almeno in parte la confusione che si è creata intorno all’argomento.

Riutilizzare le password non è poi così male

In breve, riutilizzare le password è sbagliato — questo è certo. Il motivo principale, nonché il più ovvio, per il quale riciclare le password sia una pessima idea è che crea un singolo punto di vulnerabilità. Linguaggio fantasioso a parte, ciò significa che usare la stessa password per un certo numero di account online li mette tutti a rischio. Per compromettere una grande quantità di account senza tanti problemi, ad un hacker basta una sola password.

Usa password complesse e password univoche per proteggere correttamente i tuoi account online. Se hai difficoltà a creare delle password robuste, prova ad usare il nostro Generatore di Password.

I miei dati non interessano a nessuno

Si tratta di una convinzione che molti di noi hanno. Si è portati a credere che i propri dati non interessino a terze parti ambigue. Dopotutto, si tratta più che altro della cronologia delle e-mail relative alla nostra famiglia o alle loro foto. Purtroppo, la realtà è l’esatto contrario. Sebbene sia vero che raramente gli hacker mirino ad un obiettivo specifico, è fondamentale capire che sono alla ricerca di qualsiasi dato monetizzabile. Questo potrebbe essere costituito dal numero di previdenza sociale, email address, indirizzo fisico, passwords, data di nascita, o nome e cognome. Tutte queste informazioni potrebbero rivelarsi preziose per un criminale informatico. Puoi sempre verificare se le tue informazioni personali sono state esposte ad una fuga di dati con il Data Breach Scanner.

Condividere le password per e-mail è sicuro

L’e-mail è la tecnologia con cui ci sentiamo più a nostro agio. È stata uno dei primi strumenti che la maggior parte di noi ha conosciuto quando internet è diventato una “cosa”. È prassi comune spedire le password via e-mail, ma il rischio di rivelarle a soggetti indesiderati è piuttosto alto. In poche parole, è una pessima abitudine. Ci sono varie ragioni per le quali inviare le password per e-mail può essere pericoloso:

  • le e-mail sono inviate in un formato di testo semplice, il che significa che non sono protette in alcun modo

  • spesso, le e-mail sono archiviate nel computer in testo semplice o in altri formati non criptati

  • molte copie di un’e-mail potrebbero ancora esistere in diversi posti, anche una volta che sono state cancellate.

Questi sono i motivi per i quali gli hacker, se davvero volessero entrare in possesso di una password inviata per e-mail, non dovrebbero impegnarsi molto per farlo. Quando si tratta di condividere le password, la sicurezza dovrebbe essere la tua priorità. I gestori di password come NordPass autorizzano gli utenti a condividere le password in sicurezza.

Annotare le password sui post-it è sicuro

Annotare la password su un post-it potrebbe sembrare un modo sensato per conservarla e ricordarla. Tuttavia, si tratta di un errore comune e commetterlo potrebbe essere rischioso. Considera il fatto che sbagliare a scrivere una password su un post-it è una possibilità reale, che porta a quei cicli infiniti di reset della password che tutti temiamo. Poi c’è la questione dell’archiviazione. Potresti perderla o metterla da qualche parte dove altre persone possono vederla chiaramente. Non sei convinto? Eccoti un esempio spaventoso. Fattelo dire dagli esperti di sicurezza di NordPass: la tua migliore possibilità di proteggere completamente la password è usare un gestore di password.

Gli hacker non sono interessati a me

Di solito crediamo che solo le persone “importanti” o le grandi aziende siano sulla lista dei bersagli degli hacker. Tale convinzione è spesso ribadita dai notiziari che ci bombardano di titoli relativi alle violazioni della sicurezza praticamente ogni giorno. Comunque, la realtà è che raramente i criminali informatici hanno in mente un obiettivo specifico. Più che altro, i cattivi sono alla ricerca di dati, ad esempio i numeri delle carte di credito. È di fondamentale importanza capire che nessuno è al sicuro dagli attacchi informatici, ed è determinante attuare delle misure di sicurezza informatica appropriate.

Non ho bisogno di cambiare regolarmente le password

La maggior parte degli esperti informatici e dei professionisti della sicurezza raccomandano di cambiare le password una volta ogni 90 giorni. Sostituire regolarmente la password è un’ottima idea poiché si ha la sicurezza che nessuno possa acquisirla e usarla per curiosare negli account online, per un lungo periodo. Pensala in questo modo: se, in una violazione dei dati è stata fatta trapelare una qualsiasi delle tue password, sarà più che probabile che appaia in un database sul dark web. Gli hacker amano questi database e li usano con grande soddisfazione. Cambiare regolarmente le password ti consentirà di stare un passo avanti ai malintenzionati e ti aiuterà a mantenere sicuri i tuoi account preferiti online.

Un’esperienza di apprendimento continuo

Nel mondo high-tech di oggi, la tecnologia cambia ed è in continua evoluzione. Proteggersi sta diventando un compito sempre più arduo anche per coloro che hanno imparato a usare la tecnologia ancor prima di muovere i loro primi passi. La verità è che, per molti di noi, la sicurezza informatica è un’esperienza di apprendimento continuo. Si tratta di una novità e, se vogliamo migliorare, richiede il nostro tempo e la nostra attenzione. Eppure è possibile proteggersi dai rischi online e non avere preoccupazioni. Munisciti di strumenti di sicurezza appropriati e fai buon uso dei consigli degli esperti, per goderti internet nel modo in cui è stato concepito: senza pensieri.

Iscriviti alla newsletter di NordPass